tram MoscaIL TRAM

di VALERIA TOFANELLI

Ho scattato questa foto a Mosca, nel periodo in cui la città ospitava i mondiali di atletica. Stavo girando per le vie del centro con la macchina fotografica, in cerca di qualsiasi situazione che destasse il mio interesse.

Ad un certo punto ho notato, in fila al semaforo, un tram su cui era ritratta in bella mostra una nota atleta Russa. Proprio mentre cercavo la “ciliegina sulla torta” che potesse dare un qualcosa in più allo scatto, ho visto sbucare dal finestrino il viso di un tizio. È stata questione di un attimo: ho inquadrato e scattato.

Un secondo dopo, infatti, il tram era già ripartito e la foto sarebbe stata da scartare. In poche parole, quella volta mi è andata bene, ma chissà quanti altri attimi avrò perso. In una situazione del genere, oltre all’occhio vispo, è stato fondamentale avere immediatamente a diposizione la macchina fotografica pronta per lo scatto, senza dovermi preoccupare di perdere istanti preziosi per regolarne le impostazioni. Per questo motivo tendo a scattare con una buona profondità di campo, spesso in iperfocale, e con ISO sufficientemente alti da consentirmi di mantenere dei tempi di scatto idonei a congelare l’istante.

In questo modo l’unica cosa a cui dovrò prestare attenzione sarà semplicemente inquadrare e scattare, senza correre il rischio di mangiarmi le mani per non aver regolato in tempo la macchina fotografica.

Scatto di Valeria Tofanelli